1 cosa

2 info

6 corsi

4 volontario

logosito2

 

manara

 

 

Il Comitato di Bresso da diversi anni, in accordo con AVIS (Associazione Volontari Italiani Sangue), svolge il trasporto di sangue, plasma e provette dai punti di raccolta agli ospedali affiliati. Il nostro operato si svolge nei punti di raccolta di Formentano e Besana Brianza e negli ospedali di destinazione di Garbagnate e San Gerardo di Monza. Abbiamo voluto raccogliere la testimonianza di un donatore nel centro di Formentano, che con semplicità spiega cosa significa donare e risponde ai dubbi che spesso frenano le persone a intraprendere questo importante cammino.

"Sono Francesco, 34 anni appena compiuti, dono sangue da diversi anni ma dopo un lungo periodo di latitanza ho ripreso a donare grazie, o forse a causa, della forte propaganda televisiva che ha incentivato le donazioni di plasma iperimmune da parte delle persone guarite dal Covid 19. Il mio pensiero è stato: “con una propaganda così mirata succede poi che ci dimentichiamo degli utilizzi classici del plasma” (le trasfusioni per il trattamento di alcune patologie e la produzione di farmaci salvavita) e allora, visto che non sono mai risultato positivo al “virus con la corona” mi sono riattivato.

Francesco_Piccolo_200.jpg

A volte dono il plasma, a volte il sangue; per il plasma devono passare almeno due settimane fra una donazione e l’altra, mentre servono novanta giorni per il sangue. Non lo vedo come un impegno ma come regalare qualcosa che a me costa pochissimo ma che ha un valore inestimabile per chi ne ha bisogno.

In tanti mi chiedono: ma senti male? A loro rispondo che è come quando vai a fare le analisi del sangue, perché sì, fra le altre cose, dopo qualche giorno, ti consegnano anche le analisi del sangue e questo è un vantaggio, perchè la mia salute è sempre monitorata.

Atri mi dicono: ma io senza fare colazione svengo, come faccio? Semplice, prima di donare fai pure colazione, basta evitare latte e derivati per quella mattina.

E dopo la donazione come stai? Dopo la donazione del plasma esco come sono entrato, dopo il sangue un po’ più stordito del solito ma, sapendo di aver fatto del bene, sto bene.

Tu che doni il sangue? Ebbene sì, faccio una vita normale e il giorno dopo vado a lavorare.

Sono un donatore perché, sperando sempre di stare da questa parte, ho immaginato la situazione inversa: ho immaginato, con i dovuti gesti scaramantici, di averne bisogno ma di non averne disponibilità. In questa esperienza trovo quindi esclusivamente aspetti positivi e, se “toccare ferro” non dovesse bastarmi, dico già grazie a te che donerai. :D"

 

6 news

3 info

7 dona

8 mezzi